:objective:spectacle:

CLAP

Descrizione del progetto
Descrizione del progetto disponibile solo in francese:

Cosa è più lento di un respiro ma dura più a lungo di un urlo? Se si crede agli studi sociolinguistici del fenomeno, è un applauso. CLAP è un lavoro sul quadro della situazione delle prestazioni in quanto tale. Ciò che normalmente inquadra l'evento teatrale come convenzione o rito diventa il fulcro del dibattito performativo: perché applaudiamo e come? Chi o cosa stiamo applaudendo? Dato è: una serata che nasce solo dalla "materia prima dell'affermazione", il materiale dell'applauso. Invece della rappresentazione di una performance, il pubblico vede una rappresentazione di se stesso. Una folla coreografata di claqueur che "scuote" schemi ritmicamente ripetitivi attraverso vari gesti, forme, costellazioni storiche e sociali di applausi: a volte i claqueur mutano in una folla di fan giubilanti ogiastici, poi sembrano una folla fascisticamente agitata. Un'altra volta si disintegrano in individui annoiati o incerti che applaudono, esausti..... In un loop costante di apparizioni e partenze e intensi momenti di perseveranza, la tensione dell'attesa viene scaricata in sempre nuovi applausi dalla folla di claqueur. Un eccessivo "perpetuum mobile" scenico è quello di emergere per tutta la durata della performance, il palcoscenico come "macchina degli applausi", la scatola nera come un concerto di rumore di applausi. Tuttavia, il momento emozionante è, naturalmente, quando il pubblico salirà sul palco e si applaudirà da solo? E se le claqueur rispondono? CLAP è prodotto da: objective:spectacle: in coproduzione con Treibstoff Theatertage Basel 2015 e L'OUTIL (FR).

No items found.
No items found.